Memorie dal futuro - Silvana Campese

€18.50

In questo romanzo fantapolitico, Silvana Campese (Medea per le Nemesiache) racconta, in maniera fantastica e metaforica, esperienze della sua esistenza (il cammino, innanzitutto intellettuale, nel tempo e nello spazio) attraverso la narrazione di un percorso collettivo di ricerca, scoperta, rivelazione. Nel volume, il “punto zero” rappresenta il luogo regolatore e governatore della dimensione semi-primitiva illustrata nel modo in cui deve apparire agli occhi dei suoi abitanti, per volontà di chi comanda nel villaggio alle falde della montagna (il Taburno) da cui si dipana il lungo e avventuroso racconto.

L’irrefrenabile motore contro censure, limiti o repressioni che tentano di tenere carcerato il pensiero si incarna nell’eroe odisseano Cisarò. Egli sfida la Legge dei Saggi che regola la vita di ogni abitante della terra e parte alla ricerca della conoscenza per poi formare il fatidico gruppo degli Inseparabili. Galassia Clio, antenata del villaggio nella quale l’autrice si identifica, dà vita e voce a Cisarò a cui consegna il testimone nella speranza che passi di mano in mano.

Il percorso si svolge in vari luoghi, tra cui Napoli e quel che resta della non ben identificata catastrofica fine del mondo.



L’AUTRICE: Silvana Campese - Napoletana, scrittrice, attivista, col nome di Medea, nel gruppo femminista delle Nemesiache di Lina Mangiacapre/Nemesi. Ha collaborato con la rivista “Mani-Festa” ed ha pubblicato il romanzo Prisma, la raccolta di racconti Strada facendo, l’epistolario tenuto con l’amico poeta Lello Agretti Contrappunto per soli timpani ed oboe, La Nemesi di Medea (con L’Inedito Edizioni di Fabio Martini) e Parthenope Inferno Celeste con la casa editrice Phoenix Publishing.



Categoria Narrativa